Informazioni Turchia-Grecia

TURCHIA
Documenti
Per i turisti italiani che si recano in Turchia con viaggi organizzati da Tour Operator non è necessario il passaporto: basta la semplice carta d’identità (valida per l’espatrio con almeno sei mesi di validità residua). Non è richiesto alcun visto. La carta d’identità elettronica e/o cartacea con rinnovo non viene riconosciuta come valida
Fuso orario
+ 1h rispetto all’Italia.
Clima
Il clima è mediterraneo sulle zone costiere; nell’interno invece si ha un clima di tipo continentale con inverni freddi e innevati ed estati molto calde. I periodi migliori per visitare il paese sono la primavera e l’autunno. In estate, lungo la costa mediterranea, il clima è caldo, ma secco e con giornate molto assolate; gli inverni sono miti ma piovosi.
Cosa mangiare
Fanno parte del menu tipico i deliziosi meze, i dolma (foglie di vite ripiene di riso), il doner kebab (carne di agnello arrostita su uno spiedo verticale), lo shish kebab (spiedini di montone), le çig köfte (polpettine di carne cruda lavorate con grano e peperoncino), il lahmacun (pizzette di carne macinata insaporita con salsa al pomodoro) nonché pesce e frutti di mare. I dolci sono spesso a base di miele. Assolutamente da provare sono i baklava, pasticcini ripieni di noci, nocciole e pistacchi e aromatizzati con sciroppo di limone, e i lokum, bocconcini di gelatina aromatizzata con ingredienti come limone, pistacchi, mandorle o cannella. Per finire in bellezza un pranzo, il caffè turco e un bicchierino di raki, una specie di acquavite locale all’anice. Oltre ai piatti classici, nelle grandi città come Istanbul va in tavola una cucina che fonde con sempre maggiore fantasia i sapori del Mediterraneo con quelli mediorientali.
Cosa comprare
Lo shopping tipico è quello di artigianato. Si trovano prima di tutto bellissimi tappeti e kilim, ma anche tessuti magnifici. Poi oggetti in rame, onice e marmo, ceramica e porcellana, gioielleria di argento e con pietre dure. Ottimi acquisti anche per borse, cinture e scarpe fatte a mano e a prezzi abbordabili. Un souvenir goloso da riportare a casa sono i lokum, il dolce creato nel Settecento a Istanbul. Contrattare, soprattutto nei mercati, è d’obbligo. Altri acquisti tipici sono il narghilè e il gioco del backgammon, che fanno parte della vita quotidiana dei turchi.

GRECIA
Documenti
Carta di identità valida per l’espatrio o passaporto in corso di validità.
Fuso orario
Come Italia.
Clima
Il clima è mediterraneo, salvo le zone montuose interne che presentano inverni rigidi. La costa ionica ha un clima più mite rispetto a quella egea. L’estate, da giugno a settembre, è caratterizzata da un clima caldo secco, con una grande insolazione.
Cosa mangiare
La plurisecolare cucina greca è molto legata alle tradizioni e ai prodotti locali. Alcune specialità sono ormai universalmente note, come i souvlaki, gli appetitosi spiedini ai ferri di carne suina o bovina, i dolmades (polpettine di carne o di riso avvolte nelle foglie di verza o di vite e condite con salsa di uovo e limone), il moussaka, cucinato al forno con strati di melanzane, patate, ragù bagnati di besciamella. Un vero pranzo greco inizia con un bicchiere di ouzo, liquore all’anice, accompagnato da mezedes, antipasti di olive nere e sottaceti, taramosalada (una salsa a base di uova di pesce), tzatziki (yogurt con cetriolo, aglio e olio). Nel menu non mancano mai l’agnello arrosto e, soprattutto, il grande protagonista della tavola: il pesce.
Cosa comprare
Non lasciate la Grecia senza prima aver fatto uno shopping gastronomico adeguato: ouzo, miele, marmellate di fichi, dolci di mandorle, pistacchi, olive. Altri acquisti classici sono quelli della ceramica artigianale, anche in forma di riproduzione di vasi antichi, dei pizzi, dei ricami, dei tappeti tessuti a mano (belli soprattutto quelli di Creta), di sandali e borse in pelle. Sono molto pregiate e famose le spugne provenienti da Kalimnos e Kos. Un souvenir economico e tipico è il famoso rosario, in vario materiale, chiamato kolomboi.