Informazioni Perù-Polinesia

PERU’
Documenti
Passaporto valido per almeno sei mesi dalla data di partenza.
Indicazioni sanitarie
Nessuna vaccinazione obbligatoria. Le autorità sanitarie raccomandano la vaccinazione contro la febbre gialla e la prevenzione antimalarica per le persone che partecipano a vere e proprie spedizioni nella selva amazzonica. Queste precauzioni non sono però necessarie per i viaggiatori che rimangono negli alberghi turistici.
Fuso orario
Con ora legale -7h rispetto all’Italia.
Con ora solare -6h rispetto all’Italia.
Clima
Il clima varia da zona a zona, è desertico oceanico verso la costa; rigido sui maggiori rilievi della Sierra; equatoriale e caldo umido nelle regioni amazzoniche. Le stagioni sono essenzialmente due: quella umida (inverno) e quella secca (estate).
Altitudine: in Perù si raggiungono altitudini considerevoli. L’altitudine comporta spesso lievi disturbi ai viaggiatori soprattutto nei primi giorni. Non si sono mai riscontrati fino ad ora problemi seri (il tutto si riduce ad un po’ di mal di testa e di nausea, che passano dopo poco tempo). Va quindi sottolineato che il viaggio è sconsigliato a chi soffre di disturbi cardiaci; si raccomanda comunque in ogni caso di consultare preventivamente il proprio medico.
Cosa mangiare
La cucina del Perú offre una grande varietà di piatti da regione a regione. Sulla costa prevalgono i sapori del mare. Piatti tipici sono il cebiche, a base di pesce marinato, e la zuppa di gamberi. Molto buona è la qualità in genere dei crostacei e frutti di mare. Sugli altopiani si possono assaporare prelibatezze inca, tra i quali il porcellino d’India arrosto. Un altro piatto molto diffuso e che risale alla cucina inca è la pachamanca, che consiste in carni varie speziate, con contorno di verdure come patate e manioca, cotte tramite pietre preriscaldate, all’interno di forni scavati nel terreno. Ingredienti comuni di molti piatti sono il riso, la selvaggina e la carne di capra. Molto diffusi come bibite sono gli infusi, come il maté, il té de hierbas e il maté de coca, fatto con le foglie di coca e servito nei ristoranti degli altipiani. Il liquore nazionale è il pisco, con il quale si prepara il cocktail pisco sour, a base di bianco d’uovo, succo di limone, zucchero, sciroppo, ghiaccio tritato e bitter.
Cosa comprare
Lo shopping più tipico punta soprattutto sul ricchissimo artigianato. Molto rinomate sono le ceramiche, che in alcune località come Quinua, vicino ad Ayacucho, o Puno diventano vere e proprie opere d’arte. Bellissimi i cappelli e le borse di paglia intrecciate a mano dalle donne indigene, ma anche le caratteristiche statuette, soprattutto di tipo religioso, create con materiali diversi. Altre tentazioni per gli acquisti vengono dalle maschere, dagli oggetti in pietra intagliata, dalla gioielleria, soprattutto in argento, e dai monili in pietra. Assolutamente da comprare sono poi i prodotti della tessitura, dai tappeti all’abbigliamento in lana di vigogna e alpaca di ottima qualità.

POLINESIA
Documenti
Passaporto con validità residua di almeno sei mesi dalla data di rientro. La maggior parte dei voli per Papeete transita dagli USA, di conseguenza è necessario possedere un passaporto con i requisiti previsti dalla regolamentazione americana. Per tutte le prenotazioni Polinesia è richiesto l’invio della copia dei passaporti e del numero di autorizzazione ESTA prima della partenza dei clienti.
Fuso orario
Con ora legale -11h rispetto all’Italia.
Con ora solare -12h rispetto all’Italia.
Clima
il clima è temperato tutto l’anno, di tipo caldo umido con brevi piogge da novembre a maggio e caldo secco da giugno ad ottobre. La temperatura media è di 27° C.
Cosa mangiare
La cucina dei resort è quella internazionale. Negli alberghi a gestione locale e nei ristorantini sul mare la specialità è il pesce crudo alla Tahitiana. Viene marinato insieme alle verdure nel succo di limone o nel latte di cocco. Molto diffuso anche il sashimi, in stile giapponese. Tra i dolci spicca il Po’e, una composta di frutta servita con latte di cocco. Ottimi anche spremute e succhi freschi, come quello di ananas di Moorea e la Hinano Beer, la birra polinesiana.
Cosa comprare
Tra i manufatti dell’artigianato locale spiccano i tiki, sculture di legno che raffigurano le più importanti divinità. Poi cappelli intrecciati con fibre vegetali e oggetti ricavati dall’albero della carta e dipinti con motivi tradizionali. Lavorati a mano anche i cesti e i tifaifai, pachwork dai disegni onirici e naif, che hanno anche ispirato il pittore Matisse. Da non perdere la gamma degli oli monoi, per la cura della pelle e dei capelli. Splendidi souvenir da acquistare in tutte le isole, oppure nel bellissimo mercato coperto sul lungomare di Paapete. Su tutte le isole si trovano anche negozi in cui acquistare le perle nere di Tahiti. Si tratta di una perla di coltura, di colore grigio scuro, con sfumature verdi che arrivano dall’allevamento che si trova sull’isole di Tahaa.