Informazioni Istanbul-Petra-Thailandia

TURCHIA
Documenti
Per i turisti italiani che si recano in Turchia con viaggi organizzati da Tour Operator non è necessario il passaporto: basta la semplice carta d’identità (valida per l’espatrio con almeno sei mesi di validità residua). Non è richiesto alcun visto. La carta d’identità elettronica e/o cartacea con rinnovo non viene riconosciuta come valida.
Fuso orario
+ 1h rispetto all’Italia.
Clima
Il clima è mediterraneo sulle zone costiere; nell’interno invece si ha un clima di tipo continentale con inverni freddi e innevati ed estati molto calde. I periodi migliori per visitare il paese sono la primavera e l’autunno. In estate, lungo la costa mediterranea, il clima è caldo, ma secco e con giornate molto assolate; gli inverni sono miti ma piovosi.
Cosa mangiare
Fanno parte del menu tipico i deliziosi meze, i dolma (foglie di vite ripiene di riso), il doner kebab(carne di agnello arrostita su uno spiedo verticale, lo sis kebab (spiedini di montone), le çig köfte (polpettine di carne cruda lavorate con grano e peperoncino), nonché pesce e frutti di mare. Il dolce più caratteristico, assolutamente da provare, è il lokum, un bocconcino di gelatina aromatizzata con ingredienti come limone, pistacchi, mandorle o cannella. Per finire in bellezza un pranzo, il caffè turco e un bicchierino di raki, una specie di acquavite locale. Oltre ai piatti classici, a Istanbul va in tavola una cucina che fonde con sempre maggiore fantasia i sapori del Mediterraneo con quelli mediorientali. In città, i ristoranti dove gustare i piatti di questa cucina fusion sono moltissimi, sempre più raffinati e attenti alle tendenze.
Cosa comprare
Lo shopping tipico è quello di artigianato. Si trovano prima di tutto bellissimi tappeti e kilim, ma anche tessuti magnifici. Poi oggetti in rame, onice e marmo, ceramica e porcellana, gioielleria di argento e con pietre dure. Ottimi acquisti anche per borse, cinture e scarpe fatte a mano e a prezzi abbordabili. Per i golosi è d’obbligo comprare il lokum, il dolce creato nel Settecento proprio a Istanbul. Il luogo magico per gli acquisti è ovviamente il Gran Bazar, dove è d’obbligo la contrattazione anche per portarsi a casa un set di bicchierini da caffè. Ma per trovare invece i negozi più alla moda bisogna andare nella parte europea della città, per esempio nel vivace quartiere di Beyoglu.

GIORDANIA
Documenti
E’ necessario il passaporto con validità fino a sei mesi oltre la data del viaggio. È richiesto un visto per ogni persona che entra in Giordania, chi viaggia con un tour organizzato otterrà il visto all’arrivo in aeroporto (costo circa USD 30, pagamento in loco).
Fuso orario
+1h rispetto all’Italia.
Clima
Nella parte meridionale del paese l’estate è torrida. Il periodo migliore per visitare questa parte del paese va da novembre ad aprile. Nelle regioni al confine con l’Iraq il clima è desertico, caratterizzato da grandi escursioni termiche fra il giorno e la notte. Nelle regioni situate in altitudine (come Amman) l’inverno è freddo e piovoso, la primavera è poco piovosa, l’estate è calda e assolata.
Cosa mangiare
Ad Amman si trovano ristoranti di tutti i tipi, con cucina internazionale, da quella italiana a quella mongola, oltre alle catene di fast food. Per provare la cucina locale bisogna cercare le trattorie tipiche, che spesso fanno anche spettacoli di musica e danza dal vivo. Il pranzo o la cena iniziano con una serie di mezzeh, antipasti che spesso valgono come l’intero pasto. Comprendono anche i falafel (polpettine di ceci fritte) e la tabbouleh, insalata di prezzemolo, cipolle, pomodori, olive e limone accompagnata dal burghul, un tipo di couscous. Tra i piatti principali prevalgono quelli a base di carne di montone, di pollo o di agnello. Tra questi, lo shwarma (spiedo di agnello) e il musa khan(pollo con cipolle e pinoli). Una tipica specialità beduina è invece la shish-mensaf, un intero agnello coperto con erbe aromatiche e cotto alla brace, servito con il riso. I dolci sono a base di sciroppo e miele. I più diffusi sono i baklava, dolcetti di pasta sfoglia farciti con pistacchi o altra frutta secca, ricoperti da sciroppo di rose o di arancio. Il liquore tipico è l’arak, a base di anice, che si beve anche diluito come aperitivo. Diffusissimi sono il tè, servito già zuccherato, e il caffè, alla turca oppure ristretto.
Cosa comprare
Gli acquisti tipici sono quelli di artigianato, e si fanno soprattutto contrattando i prezzi nei bazar: oggetti in legno, ottone, madreperla, vetro, argento, oro, vasellame, vestiti etnici, tappeti e cuscini cuciti a mano. Ad Amman si possono fare acquisti più “occidentali” nelle boutique di stilisti che offrono i capi e gli accessori delle collezioni più recenti. Tra i grandi centri commerciali, si può puntare sull’Abdoun Mall, l’Amman Mall, il Mecca Mall e lo Zara Shopping Centre. Nel Gold Souq, nel centro cittadino, si trovano oggetti di oreficeria a ottimi prezzi. Nei negozi è consuetudine ricevere l’offerta di una tazza di tè o di caffè.

THAILANDIA
Documenti
Passaporto regolarmente bollato con una validità non inferiore ai sei mesi dalla data di entrata in Thailandia. Il visto non è necessario per soggiorni inferiori ai trenta giorni.
Fuso orario
Con ora legale +5h rispetto all’Italia.
Con ora solare +6h rispetto all’Italia.
Clima
Il clima è molto caldo da marzo a maggio con temperature che oscillano e arrivano anche fino ai 40°C. Piovoso con caldo umido da giugno a metà ottobre e fresco con caldo secco da novembre a febbraio con temperature medie tra i 15° e 28°C.
Cosa mangiare
La cucina thai è una delizia per il palato. Il meglio della cucina tradizionale si trova ovunque, da ristoranti eleganti a quelli informali e all’interno dei mercati. La zuppa è sempre il piatto forte, sia a pranzo che a cena. La più famosa è la Tom Yam Kung, a base di gamberetti e aromatizzata con erba cipollina, foglie di lime, piccole cipolle rosse, peperoncini, foglie di coriandolo, salsa di pesce e succo di limone. Il riso accompagna sempre crostacei, pesce, maiale e pollo, sempre cucinati con spezie e aromi piccanti. Ottima la frutta, soprattutto banana e papaya.
Cosa comprare
In Thailandia ci sono mercati e negozi per comprare sete, ceramiche, legno intagliato, abiti e spezie.