Kuala Lumpur

Kuala Lumpur, o KL come la chiamano i suoi abitanti, in lingua malese significa “la città sul fiume fangoso”, nome che sembra poco adatto ad una moderna capitale che conta 1.500.000 abitanti, scintillanti grattacieli, mezzi di trasporto avveniristici e che rappresenta il cuore pulsante della nazione. Tuttavia, in questa corsa alla modernità, KL è riuscita a conservare nel tempo il suo antico fascino ed è proprio l’incontro tra passato e futuro a renderla diversa dalle altre città asiatiche.

Merdeka-SquareDataran Merdeka, la piazza dell’Indipendenza, dove sventola la bandiera della Malesia da un’altezza di 100 metri, la bandiera più alta del mondo.

Sultan Abdul Samad Building, l’edificio più fotografato della città, la fusione tra lo stile architettonico vittoriano e moresco lo rende molto particolare.

 

moscheaMoschea Jamek, la più bella della città. Costruita nel 1907, proprio alla confluenza dei fiumi Klang e Gombak, è immersa in un tranquillo boschetto di palme e presenta cupole a bulbo e minareti a strisce di mattoni color rosa e crema.

Jalan Perdana, la Moschea Nazionale è stata costruita seguendo un design futuristico. La cupola stilizzata ha la forma di una stella a 18 punte che rappresentano i 13 Stati della Malesia e i 5 pilastri dell’Islam.

petronas_towerPetronas Twin Towers, alte 452 metri la loro architettura si ispira ai 5 Pilastri dell’Islam e conta 88 piani di acciaio e una vista mozzafiato sull’intera città. Il pubblico può accedere sino allo Skybridge che si trova al 41° piano: il ponte sospeso collega le due torri a 170 m di altezza e vi si accede per mezzo di un futuristico ascensore a due piani controllato da un sistema computerizzato. L’accesso giornaliero allo Skybridge è consentito a un massimo di 800 persone e la distribuzione gratuita dei biglietti avviene dalle 8.30, fino a esaurimento posti.

kuala_lumpur_lake_gardensKuala Lumpur Lake Gardens, all’interno del principale polmone verde della città, si trovano: il Giardino degli Hibiscus e delle Orchidee con oltre 800 specie di orchidee esotiche malesi e più di 500 tipi di Hibiscus, il fiore nazionale della Malesia; il Parco delle Farfalle contenente più di 6.000 esemplari di circa 120 specie diverse; il Parco degli Uccelli che conta più di 2.500 uccelli di centinaia di specie, tra cui il coloratissimo Bucero del Sarawak.

batu-cavesE poi ad appena 15 km dalla capitale, si possono visitare le Batu Caves, l’originale tempio indù scavato nella roccia. Una scalinata di 272 gradini conduce a un vasto sistema di grotte calcaree che racchiudono un piccolo tempio induista, meta di quasi un milione di pellegrini in occasione del festival del Thaipusam, spettacolare cerimonia religiosa che si tiene ogni anno tra fine gennaio e febbraio. All’ingresso delle grotte, la gigantesca statua del dio Murugan, la più alta del mondo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...